Esplora contenuti correlati

Nuova Agenzia per le Droghe dell'Unione Europea: al via il nuovo mandato di EUDA

2 luglio 2024

Oggi a Lisbona, ha ufficialmente iniziato il suo mandato la nuova Agenzia per le Droghe dell'Unione Europea (EUDA), che sostituisce l'Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze (EMCDDA). Questa trasformazione è il frutto di una nuova legislazione che ne ha ampliato il mandato con l'obiettivo di rafforzare la risposta dell'Unione Europea alle sfide poste dalle droghe illecite.

Dopo una valutazione dell'EMCDDA, la Commissione Europea ha richiesto un mandato più ampio e proattivo per affrontare meglio le complessità crescenti del fenomeno droga e l'emergere di nuove sostanze. Il percorso legislativo si è concluso nel giugno 2023, portando alla nascita della EUDA dopo un anno di transizione.

L’EUDA si concentrerà su quattro aree principali: Prevedere le sfide future legate alle droghe, emettere avvisi in tempo reale sui nuovi rischi, rafforzare le risposte degli Stati membri al fenomeno delle droghe, promuovere lo scambio di conoscenze  a livello  europeo.

Inoltre sono stati creati nuovi strumenti: tra cui il Sistema Europeo di Allerta sulle Droghe, (complementare all'attuale Sistema di Allerta Rapida sulle nuove sostanze psicoattive);  il Sistema Europeo di valutazione delle minacce che  migliorerà la preparazione e la reazione dell'Unione Europea alle minacce esistenti o potenziali per la salute e la sicurezza; un network Europeo di laboratori forensi e tossicologici.

Inoltre il 3 luglio p.v. ci sarà l’ inaugurazione ufficiale di EUDA con la partecipazione della Commissaria Europea per gli Affari Interni, Ylva Johansson. In questa occasione, sarà firmato un Accordo con il Ministero degli Affari Esteri dell'Ecuador.Mentre nei giorni 4 e 5 luglio è prevista la  riunione inaugurale del Consiglio di Amministrazione di EUDA.La nascita della nuova agenzia rappresenta un passo avanti significativo nella lotta contro le droghe in Europa, con un approccio integrato e proattivo per affrontare le sfide attuali e future.

Per saperne di più

EUDA
Torna all'inizio del contenuto